rebolinipvc0074-ph-giuseppe-macorsmall

Bruno Rebolini

nuovo presidente del CdC RAEE

arriviepartenze

Luglio 2020 - Il Consiglio di Amministrazione di ESPRINET ha nominato Direttore Generale Giovanni Testa con decorrenza 27 luglio 2020. Nato a Milano, il 26 maggio 1968, dopo la laurea in Giurisprudenza, Giovanni Testa inizia la sua carriera lavorativa nell’ambito del controllo di gestione. Con il suo ingresso in Esprinet è stato in grado di migliorare ulteriormente le sue competenze in materia di credito, tesoreria e data-warehouse. Nel corso degli anni, grazie alla sua esperienza nel controllo di gestione e nell'area del credito, sviluppa eccellenti rapporti con clienti e fornitori del Gruppo, lavorando direttamente con la direzione commerciale. A novembre 2016 è stato nominato Business Operations Manager del Gruppo Esprinet con 5 direzioni commerciali a suo diretto riporto.

publiedimdotcom

Elettronica di consumo. Per definizione.


facebook
linkedin
instagram
lapubliedimlogobiancocopia

facebook
linkedin
instagram
image-256unnamed2115-unnamed

La Publiedim Srl - P.IVA: 05612980960 - REA: 1834659   -   Copyright 2020 © PUBLIEDIM.COM - All Right Reserved

 

Il COVID-19 presenta il conto a Cellularline

18-09-2020 12:27

Publiedim

Il COVID-19 presenta il conto a Cellularline

Nel primo semestre l’azienda di accessori registra un calo dei ricavi del 33,8%, ma l’Adjusted EBITDA dei primi sei mesi del 2020 è stato positivo

marcocagnetta-1600421228.jpg

Nei primi sei mesi del 2020 i ricavi delle vendite di Cellularline è stato pari a Euro 36,6 milioni al 30 giugno 2020, con una contrazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente pari a Euro 18,7 milioni (-33,8%); al netto della contribuzione dei ricavi registrati da Systema nel corso del primo trimestre (Euro 2,7 milioni), la decrescita organica risulta essere pari a Euro 21,4 milioni (-38,6%), interamente originatasi a partire da metà marzo. Ricavi però in progressivo recupero da giugno, anche sulla base dei dati preliminari del bimestre luglio-agosto. Con riferimento alle linee di prodotto, quella principale - la linea Red, che comprende gli accessori per smartphone e tablet e i prodotti audio (79,3%) - è quella che risulta particolarmente penalizzata, registrando nel periodo una diminuzione organica pari a Euro 17,4 milioni. Tale performance è imputabile per circa il 73% al mercato domestico (-51,4%, pari a Euro 12,6 milioni), particolarmente colpito dalle anticipate e prolungate misure restrittive attuate dalle Autorità italiane rispetto ad altri Governi europei e dalla riduzione dei livelli di stock da parte di alcuni retailers italiani anche nelle settimane successive alla riapertura dei negozi. La linea Blue, che comprende i prodotti di brand terzi in distribuzione (11,2%), registra organicamente una diminuzione pari a Euro 2,7 milioni rispetto al primo semestre 2019 che beneficiava dell’avvio, a partire da gennaio 2019, dei contratti di distribuzione siglati con Samsung e Huawei. La linea Black, che comprende prevalentemente gli accessori per motociclisti a marchio Interphone (9,1%), risulta quella meno penalizzata (-25,1%, pari a Euro 1,1 milioni), grazie a una maggiore presenza nei mercati Extra-Ue (in cui i lockdown sono iniziati successivamente e in maniera meno stringente rispetto ai mercati europei) e alla buona performance delle vendite online attuate anche tramite il sito web proprietario dedicato, lanciato nel secondo semestre del 2019. L’Adjusted EBITDA dei primi sei mesi del 2020 è stato positivo per Euro 1,2 milioni, di cui Euro 0,4 milioni registrati nel secondo trimestre, in cui si è registrata una contrazione delle vendite del 52% a seguito dell’apice degli effetti negativi da Covid-19. La diminuzione in valore assoluto dell’Adjusted EBITDA nel semestre, pari a Euro 8,0 milioni, è spiegata dagli effetti sopra descritti ed è influenzata dalla ripartizione sostanzialmente lineare dei costi di struttura nel corso dell’esercizio rispetto alla stagionalità dei ricavi (il Gruppo storicamente realizza oltre il 60% delle vendite nel secondo semestre). Marco Cagnetta, Co-CEO del Gruppo Cellularline, ha commentato: “Siamo orgogliosi di come il Gruppo ha saputo reagire con grande tempestività e determinazione alla crisi senza precedenti determinata dalla diffusione della pandemia da Covid-19 a partire da marzo. Grazie al contributo di tutte le nostre persone e all’attuazione di un incisivo piano di riduzione costi siamo stati in grado di contenerne gli effetti, riuscendo a chiudere anche il secondo trimestre con un Adjusted EBITDA positivo, confermando una forte solidità patrimoniale e finanziaria e la distribuzione di un dividendo in crescita del 10% rispetto all’anno precedente".

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder