rebolinipvc0074-ph-giuseppe-macorsmall

Bruno Rebolini

nuovo presidente del CdC RAEE

arriviepartenze

Luglio 2020 - Il Consiglio di Amministrazione di ESPRINET ha nominato Direttore Generale Giovanni Testa con decorrenza 27 luglio 2020. Nato a Milano, il 26 maggio 1968, dopo la laurea in Giurisprudenza, Giovanni Testa inizia la sua carriera lavorativa nell’ambito del controllo di gestione. Con il suo ingresso in Esprinet è stato in grado di migliorare ulteriormente le sue competenze in materia di credito, tesoreria e data-warehouse. Nel corso degli anni, grazie alla sua esperienza nel controllo di gestione e nell'area del credito, sviluppa eccellenti rapporti con clienti e fornitori del Gruppo, lavorando direttamente con la direzione commerciale. A novembre 2016 è stato nominato Business Operations Manager del Gruppo Esprinet con 5 direzioni commerciali a suo diretto riporto.

publiedimdotcom

Elettronica di consumo. Per definizione.


facebook
linkedin
instagram
lapubliedimlogobiancocopia

facebook
linkedin
instagram
image-256unnamed2115-unnamed

La Publiedim Srl - P.IVA: 05612980960 - REA: 1834659   -   Copyright 2020 © PUBLIEDIM.COM - All Right Reserved

 

Huawei, pronto il suo sistema operativo

10-09-2020 17:28

Publiedim

Huawei, pronto il suo sistema operativo

Durante la Developer Conference 2020 il brand ha annunciato che la versione 2.0 del suo sistema operativo HarmonyOS sarà disponibile per gli sviluppatori

richardyu-harmonyos-1599748071.jpg

In occasione della Huawei Developer Conference 2020 il colosso cinese ha annunciato la sua piattaforma HarmonyOS, presentata scorso anno, è oggi arrivata alla versione 2.0. Il produttore cinese ha confermato che una versione beta dell’SDK Harmony OS 2.0 è disponibile da oggi su smartwatch, Smart TV e unità principali, inoltre l’azienda ha aggiunto che una versione beta degli strumenti per sviluppatori arriverà sugli smartphone a dicembre 2020. Il CEO di Huawei Richard Yu ha affermato che a partire dal 2021 potrebbero arrivare sul mercato i primi smartphone con sistema operativo Harmony. Con l'ultimo aggiornamento, HarmonyOS sarà ufficialmente open source e gli sviluppatori potranno accedere a emulatori, pacchetti SDK e strumenti IDE. Il progetto open source, donato alla OpenAtom Foundation, sarà lanciato gradualmente con una versione beta mobile di HarmonyOS pianificata per gli sviluppatori cinesi per la fine del 2020. Richard Yu ha annunciato la roadmap per HarmonyOS nel corso del keynote. "A partire dal 10 settembre, HarmonyOS sarà open per i dispositivi IoT da 128 KB a 128 MB, come smart TV, wearable, automobili e altro ancora. Ad aprile 2021, sarà open per i dispositivi da 128 MB a 4 GB e a partire da ottobre 2021, HarmonyOS sarà aperto per i device superiori a 4 GB". Molto probabilmente gli smartphone con HarmonyOS saranno solo dei prodotti per il mercato cinese, e da lì si potrà capire se HarmonyOS potrà diventare per Huawei una alternativa ad Android. Huawei ha fatto anche il punto sul suo ecosistema HMS (Huawei Mobile Services), sottolineando che con il supporto di oltre 1,8 milioni di sviluppatori registrati in tutto il mondo, AppGallery e l’ecosistema HMS sono cresciuti esponenzialmente nel corso dell’ultimo anno. AppGallery ha attualmente oltre 96.000 app integrate con HMS Core e oltre 490 milioni di utenti attivi a livello globale. Inoltre, ha anche raggiunto il record di 261 miliardi di download di app tra gennaio e agosto 2020. Huawei sembra non voler arrendersi alla guerra dei dazi con gli USA.

heweiharmonyos1-1599748106.jpg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder